Home Focus Londra, Varsavia, Sydney: ecco come votano gli italiani all’estero

Londra, Varsavia, Sydney: ecco come votano gli italiani all’estero

4 min read
0
0
424

Nel voto per il Senato nella circoscrizione Estero il Pd, dopo la debacle che si configura a livello nazionale, sembra reggere confermandosi, quando sono state scrutinate 407 sezioni su 1.858, il primo partito. I Dem conquistano dunque il 26,5%, inseguiti dalla coalizione di centrodestra al 20,6%. Solo il terzo posto per il Movimento cinque stelle con il 16,3%, seguito da Maie al 12% e da Usei al 10%. Risultato oltre l’andamento nazionale per Liberi e Uguali al 5,2% e per +Europa della Bonino che conquista il 4,7%.

Procede, invece, assai a rilento lo scrutinio del voto all’estero per quanto riguarda la camera. Quando risultano acquisiti i risultati di sole 319 seggi su 1858, alla Camera il Pd risulta il più votato con il 26,1%. Segue l’alleanza unitaria di centrodestra Lega-Fi-Fdi al 21,1% mentre M5s è terzo al 16,7%. Alle sue spalle si collocano Maie (9,7%) e Usei (9,2%). Dietro i quali arrivano appaiati LeU e PiùEuropa con Emma Bonino entrambi con il 5,3%. All’1,9% si attesta Civica Popolare, all’1,9% NcI-Udc. Sotto l’1% le altre liste.

Un segnale di piena continuità quello lanciato dagli aventi diritto al voto risiedenti oltre i confini italiani. Anche nelle ultime consultazioni politiche, risalenti a cinque anni fa, il Partito Democratico risultava la prima forza politica nelle preferenze degli italiani all’estero. L’analisi della mattina dopo, che restituisce un quadro nazionale in cui Movimento 5 stelle e Lega giocano la parte del leone, porta a percepire gli italiani sparsi nel mondo, dalla Polonia al Regno Unito, passando per la Germania e l’Australia, come soggetti meno “affascinati” dalle forze eversivo-populiste, che invece hanno riscosso grande successo in patria. Il voto dall’estero, infatti, ha finora favorito le forze politiche “tradizionali”. Sicuramente importante è il fattore “Europa”, come dimostrano i dati relativi alla lista di Emma Bonino “+Europa”, che in Italia si è invece rivelata un vero e proprio flop. E’ evidente che i cittadini italiani che l’Europa la vivono e la fanno crescere quotidianamente, ne apprezzano anche il valore, contro le varie forme di “Anti-europeismo”.

Non indifferente, comunque, l’apprezzamento ricevuto dai pentastellati nella circoscrizione estero. L’ascesa del Movimento “può rappresentare un’occasione di riflessione e di rinascita per i partiti di centro-sinistra e di centro destra” dichiara Vincenzo, radio-ascoltatore italiano residente a Londra, ai microfoni di Rai Radio 1.

Load More Related Articles
Load More By Redazione
Load More In Focus
Comments are closed.

Check Also

RUSSIA NEGA AVVELENAMENTO EX SPIA: JOHNSON, “SEMPRE PIÙ ASSURDO”

Continua il botta e risposta tra il Cremlino e le istituzioni d’oltremanica sulla vi…