Home Primo Piano Turchia ancora una retata: raffica di arresti nelle Università

Turchia ancora una retata: raffica di arresti nelle Università

2 min read
0
0
385

Una nuova raffica di arresti in Turchia colpisce il mondo accademico. L’agenzia di stampa turca Dogan riferisce del fermo di 42 persone in retate in due atenei di Istanbul, la Bogazici University e la Medeniyet University. Le persone finite in manette sono tutte accusate di legami con il movimento dell’imam Fetullah Gulen, ritenuto dal governo di Ankara responsabile del fallito golpe dello scorso anno. Tra gli arrestati c’è anche Koray Caliskan, accademico della Bogazici University ritenuto un liberale e critico nei confronti del governo turco. In totale, secondo la Dogan, sono 72 le persone colpite da mandati d’arresto spiccati nelle ultime ore dalla Procura di Istanbul.La maggior parte è accusata di aver utilizzato l’applicazione ByLock, che – stando all’accusa – sarebbe uno dei principali strumenti per la comunicazione usato dalle persone accusate di aver partecipato al fallito colpo di stato.

La notizia dei nuovi arresti arriva all’indomani della conclusione della ‘Marcia per la giustizia’, promossa dal principale partito di opposizione, il laico Chp, e terminata ieri a Istanbul con la partecipazione di centinaia di migliaia di persone. In Turchia, dove da un anno è in vigore lo stato d’emergenza, sono ormai circa 50mila le persone in carcere con l’accusa di legami con Gulen, che dal 1999 vive in esilio in Pennsylvania. Più di 120mila persone, tra dipendenti pubblici e uomini delle forze di sicurezza, sono stati rimossi dall’incarico dal tentativo di golpe del 15 luglio dello scorso anno.

Load More Related Articles
Load More By Redazione
Load More In Primo Piano
Comments are closed.

Check Also

RUSSIA NEGA AVVELENAMENTO EX SPIA: JOHNSON, “SEMPRE PIÙ ASSURDO”

Continua il botta e risposta tra il Cremlino e le istituzioni d’oltremanica sulla vi…