Home Focus Putin e Trump in campo insieme:
Respingiamo per sempre l’Isis

Putin e Trump in campo insieme:
Respingiamo per sempre l’Isis

4 min read
0

Confermata la determinazione a sconfiggere lo Stato islamico (Is) in Siria, garantendo l’indipendenza, l’integrità e la sovranità territoriale del paese mediorientale. è questo il punto focale della dichiarazione congiunta dei presidenti russo e statunitense Vladimir Putin e Donald Trump sulla Siria concordata a margine del summit della Cooperazione economica Asia-Pacifico (Apec) in corso a Da Nang, in Vietnam. I due hanno avuto un breve incontro a margine della riunione e hanno concordato sulla dichiarazione congiunta preparata da squadre tecniche dei rispettivi paesi sotto la supervisione del ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e del segretario di Stato Usa, Rex Tillerson. Nel documento i due presidenti hanno elogiato “i positivi sforzi di Stati Uniti e Russia per favorire una de-escalation del conflitto”, un’attività che ha “accelerato drammaticamente” le perdite per l’Is sul terreno militare in Siria. I due hanno anche confermato che “questi sforzi proseguiranno sino a che non verrà raggiunta la completa sconfitta dell’Is”.

Putin e Trump hanno inoltre rimarcato l’importanza delle zone di sicurezza in Siria, indicate come “un passo di transizione per ridurre le violenze” e hanno evidenziato “i progressi per quanto riguarda il cessate il fuoco nell’area sud occidentale della Siria, concordato durante l’ultimo incontro fra i due presidenti avvenuto ad Amburgo (summit del G20) il 7 luglio”, si legge nella dichiarazione. Secondo i due capi di stato, il conflitto in Siria non può essere risolto con mezzi militari, e per questo motivo “una definitiva soluzione politica deve emergere attraverso il processo negoziale di Ginevra ai sensi della risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza dell’Onu”. Inoltre Putin e Trump hanno confermato il loro sostegno “alla sovranità, unità, indipendenza, integrità territoriale e al carattere non settario della Siria”. I due hanno invitato “tutte le parti siriane a partecipare attivamente al processo politico di Ginevra e a sostenere gli sforzi per assicurarne il successo”.
I presidenti russo e statunitense hanno concordato di “mantenere aperti i canali di comunicazione militare per aiutare a garantire la sicurezza sia delle forze Usa, sia di quelle russe”, con l’intento di prevenire pericolosi incidenti nel territorio siriano. Inoltre Putin e Trump hanno chiesto ai paesi membri delle Nazioni Unite di aumentare il loro contributo in termini di aiuti umanitari alla Siria nei prossimi mesi. Secondo i capi di stato russo e statunitense, infine, il Centro di monitoraggio di Amman, in Giordania, continuerà a valutare l’andamento del cessate il fuoco nell’area sud occidentale della Siria, dove sono situate alcune delle zone di sicurezza.

 

Load More Related Articles
Load More By Redazione
Load More In Focus
Comments are closed.

Check Also

Mosca, pronti a dialogo sulle indagini per l’uso delle armi chimiche in Siria

La Russia si dice disponibile a dialogare per un nuovo mandato del meccanismo investigativ…