Home Medio Oriente Medio Oriente: Autorità Nazionale Palestinese sempre più lontana da Washington

Medio Oriente: Autorità Nazionale Palestinese sempre più lontana da Washington

2 min read
0

Nabil Abu Rudeina, portavoce della presidenza palestinese, ha affermato che le dichiarazioni rilasciate dall’ambasciatore americano a Tel Aviv spingono a porsi una domanda circa il suo rapporto con l’occupazione: Il diplomatico statunitense”Rappresentante dell’America o di Israele?”.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale palestinese “Wafa”, le dichiarazioni di Abu Rudeina sono arrivate in risposta all’ammonimento dell’ambasciatore statunitense  in Israele David Friedman. il quale aveva condanna l’atteggiamento dimostrato dall’Autorità Palestinese in occasione dell’accoltellamento e dell’uccisione di un colono nella Cisgiordania settentrionale.

Abu Rudeina ha affermato che la continua occupazione da parte di Israele dei territori palestinesi e la continuazione delle sue politiche di insediamento sono la ragione principale della recrudescenza violenta nella regione.

Lo scontro verbale tra la presidenza palestinese e la diplomazia americana è l’ennesimo capitolo di un processo di raffreddamento dei rapporti tra Ramallah e Washington, processo accelerato dalla decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele.

Poche ore fa, intanto, l’esercito israeliano ha annunciato di aver deciso di dispiegare altri battaglioni di rinforzo in Cisgiordania dopo il recente aumento di attacchi da parte palestinese che hanno causato la morte di due israeliani e le conseguenti operazioni per rintracciare i responsabili. I rinforzi saranno impiegati – è stato spiegato – soprattutto nella parte nord della Cisgiordania dove ci sono stati “i punti principali di frizione”. L’esercito ha sottolineato che ulteriori battaglioni sono stati messi in pre-allerta.

Load More Related Articles
Load More By Redazione
Load More In Medio Oriente
Comments are closed.

Check Also

Siria: 13 civili uccisi nella Ghouta, 320 da domenica

Sono 13 i civili rimasti uccisi oggi nell’area del sobborgo di Al-Ghouta, ad est di …